Equity crowdfunding – Il giusto equipaggiamento per scalare la montagna…

Ciao…

Come per il modello di Reward crowdfunding, entrerò nello specifico del Equity in modo più dettagliato.

Allora sei pronto?

Preparati perché le informazioni che stai per leggere, potranno rilevarsi davvero utili per la tua formazione personale o per impostare una campagna.

Allora iniziamo ricordandoci la definizione che uso nella mia semplice scaletta del Crowdfunding Equity based?

“Si tratta di uno dei metodi più rilevanti nel mondo del crowdfunding. Consiste nell’inserire un progetto all’interno di una piattaforma sul web per raccogliere fondi. Però in questo caso i tuoi backers (sempre i finanziatori ) stanno compiendo veri e propri investimenti, infatti dovrai decidere il budget che ti occorre e quale percentuale di quote aziendali intendi dare in partecipazione.

Si! Perché adesso stai ricercando fondi, ma anche dei soci capitali che alla chiusura dell’anno divideranno con i soci in carica i dividendi aziendali.

Quindi possiamo dire che questa tipologia di crowdfunding è uno strumento per trovare finanziamenti, per start up, PMI innovative e finalmente proprio da quest’anno, anche per tutte le PMI (Piccole medie imprese).

L’Equity crowdfunding consente a singoli o a gruppi di investitori di acquisire una partecipazione azionaria all’interno di società e aziende.
A differenza degli altri Paesi, l’Equity crowdfunding in Italia è regolato da una normativa che stabilisce limiti e modalità della raccolta fondi.” (regolata dalla Consob)

Ci sono degli attori che dovranno fare ognuno la loro parte.

Ci sei tu, il progettista. C’è la piattaforma che fa da mediatore fra il tuo progetto e i finanziamenti. Poi ci sono i backers (i finanziatori).

Si! In pratica gli stessi del sistema Reward-based.

In effetti il sistema è molto simile, perché il progettista, che ti ricordo oggi sarai tu. Potrà affidarsi al finanziamento dal basso, inserendo il suo progetto all’interno di una piattaforma adibita per il sistema Equity. Incontrerà i backers che in questo caso non sono solo finanziatori, ma sono veri e propri investitori dell’attività.

Certo hai capito bene, investitori….
Mettiamo il caso che tu per la tua attività abbia bisogno di un finanziamento di 10’000€ cosa potresti fare?

Allora, potresti andare dalla tua banca o da una finanziaria e chiederli, ma oltre al fatto che bisogna vedere se hai abbastanza garanzie da offrirgli, dovrai pagare in un secondo momento gli interessi del prestito ecc…

Poi in realtà i modi di finanziarsi sono molteplici perché potresti andare da un tuo zio o un amico ricco e chiedergli un regalo😀, ma spesso capita che non si ha ne uno zio e neanche un amico ricco.

Ovviamente scherzavo, tutti hanno uno zio ricco😀, solo che spesso non ha alcuna intenzione di parlare di soldi con nessuno della famiglia.

Beh, mettiamo il caso che non sai dove e a chi chiedere i fondi, come solitamente capita a molti. Perché lasciare, il tuo progetto o sogno di espansione, l’apertura ad un nuovo mercato o quello che potrebbe davvero cambiare la vita della tua attività, nel cassetto?

E se io ti dicessi che potresti, dopo aver quotato la tua azienda, inserirla all’interno di una piattaforma di crowdfunding Equity per cercare soci di capitale?

Quindi ricapitolando….

Potrai inserire il tuo progetto e quotare la tua attività. In pratica potrai diventare come una società per azioni che si quota in borsa, però la differenza sostanziale sta nel fatto che gli investimenti da parte dei backers partono da poche centinaio di euro, che il mercato è quello delle Pmi e non quello delle grandi multinazionali, reso oscillante e surreale dalle speculazioni della borsa. In questo caso i finanziatori potranno vedere in modo tangibile quale sarà il loro investimento. Si! Perché la tua azienda è tangibile e trasparente, perché è composta da persone che fanno il proprio lavoro con amore e che vogliono crescere insieme agli investitori.

Il tuo mercato non oscilla come quello della borsa, può essere flessibile si, ma dipende molto dalle tue scelte e dalle condizione di gestione della tua attività.

Ma ti dico: se attraverso il tuo progetto, sarai in grado di creare la fiducia, dimostrare che il tuo lavoro è valido, che il tuo impegno è costante da tempo, che i tuoi risultati sono e saranno soddisfacenti, allora sarai davvero in grado di trovare il finanziamento di cui hai bisogno.

Insomma… Devi riuscire a dimostrare che oltre ad avere un progetto, hai anche un team davvero valido e grazie alla tua intraprendenza, con il giusto equipaggiamento saresti in grado di scalare una montagna.

Devi creare una comunicazione che convinca gli investitori a darti i fondi per acquistare i giusti equipaggiamenti per la VOSTRA scalata!

#falloconlafolla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *