Il crowdfunding anche nell’ecologia…

 

Non solo arte, tecnologia e cibo.
Sulle piattaforme di crowdfunding ci sono anche molti progetti eco-sostenibili, in questo articolo ne racconterò qualcuno.

Quanta acqua sprechiamo ogni giorno?
Tanta, davvero tanta.

In Italia il sistema idrico è il meno caro d’Europa. dopo questa informazione mi verrebbe da dire “ottimo!”, ma c’e da precisare che è anche quello tenuto peggio…

Se pensiamo solo che più di un terzo dell’acqua dei nostri acquedotti viene sprecata per guasti, perdite e malfunzionamenti, capiamo davvero quanta acqua ogni giorno viene sprecata.

Uno dei motivi principali di questa poca accortezza nello stato di manutenzione è l’eccessiva pressione idrica. Si, perché c’è un chiaro legame tra pressione idrica e perdite. Più la pressione è alta, maggiore sarà la quantità di acqua persa. Infatti la continua eccessiva spinta da parte dell’acqua crea un susseguirsi di problematiche di vario genere.

Pensandoci attentamente si capisce che è inevitabile che con l’alta pressione ci sia aumento critico delle probabilità di nuove rotture nel nostro già malconcio condotto idrico.

Così i ragazzi dell’istituto I.I.S. “C. Rosatelli” di Rieti, riscontrando questo problema hanno pensato di progettare un sistema a basso costo, per controllare in tempo reale la pressione dell’acqua nell’acquedotto.

Il progetto si chiama H2inO, è stato reso possibile grazie ad una campagna di crowdfunding che ha raccolto 6.255 € attraverso 51 sostenitori.

Si tratta di una centralina che permette di visualizzare in tempo reale, la situazione (pressione e livello di clorazione) presente nei diversi punti dell’acquedotto, via web e via smartphone, consentendo agli operatori un intervento immediato in caso di malfunzionamenti.

Che dire… bravi ragazzi! Spero davvero che la vostra idea, presto possa essere usata in tutti gli acquedotti della nostra splendida nazione per ridurre lo spreco dell’acqua la risorsa più importante della vita.

Continuando sul tema ecologia un’altra splendida idea che mi ha colpito molto…

Hai mai pensato che grazie ad una passeggiata avresti potuto creare elettricità?

Cioè appena l’ho scoperto ho pensato neanche Flash, camminando crea elettricità.  Come faccio io, che poi detto fra me e te cammino realmente lento, a creare energia camminando?

Bhè ho scoperto che da oggi è davvero possibile…

Immagine che durante la passeggiata della domenica in un centro commerciale, senza fare fatiche extra, sforzi fisici o altro, riesci a contribuire alla creazione di energia.

Per me è geniale… Davvero un idea Brillante!

Senza parlare che questa energia pulita permette di abbassare le emissioni di Co2 nel mondo cosa non affatto poco rilevante.

Quindi ti sto dicendo che potresti con la tua passeggiata dare elettricità per illuminare una piazza, un macchinario importante o  tutto ciò che funziona con l’elettricità riuscendo anche a diminuire le emissioni nel mondo.

Mondo,  che in questo modo sarebbe un po’ più al sicuro dal genere umano,  che continua a fruttarlo.
É proprio questa la filosofia, salvaguardare la terra dal continuo sfruttamento che ne facciamo, della Veranu la start up che ha avuto questa brillante trovata.

L’idea è venuta ad un gruppo di sette ragazzi sapientemente diretti da Alessio Calcagni, si tratta di Veranu una “mattonella” realizzata interamente con materiali riciclati, che trasforma l’energia dei nostri passi in energia elettrica pulita.

“Veranu dà energia ai nostri passi!”  IO CONTINUO A RIBADIRLO L’HO TROVO FANTASTICO!

La Mattonella è facilissima da installare e da gestire, grazie alle sue piccole dimensioni, è adattabile a qualsiasi tipo di pavimento.

Anche Veranu, dopo essersi inserita nel panorama delle start up competition, essere stata nominata da Terna come una delle 10 migliori startup a livello internazionale del settore energetico, essere stata incubata, ha richiesto una convalida attraverso una campagna di crowdfunding.

Lanciata per trovare i fondi per ricercare nuovi prodotti innovativi da inserire nella vita quotidiana, che possano creare energia pulita. Sicuramente una campagna di successo, infatti ha avuto 116 sostenitori riuscendo a raccogliere 5.766 €, obbiettivo pienamente raggiunto considerando che il traguardo fissato dai progettisti era di 5.000 €.

Complimenti e grazie per quello che fate, continuate così perché la terra e tutti noi abbiamo davvero bisogno del vostro lavoro e aiuto.

Tornando a noi, questo è solo un assaggio rispetto al grande numero di progetti ecologici che hanno preso vita grazie al finanziamento dal basso, giusto per ricordarti che il crowdfunding è anche green!

#falloconlafolla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *