Il crowdfunding, anche a tavola…

Ti piace mangiare?

Che domanda! A chi non piace mangiare, infondo è uno dei piaceri della vita…

In questo articolo, ti racconterò la storia di alcuni progetti “appetitosi” che sono stati realizzati grazie al crowdfunding, prendendo letteralmente per la gola i propri backers. ☺Partiamo da Gohasta farm, una piattaforma web che ha l’intento di mettere in contatto i piccoli produttori di olio direttamente con i consumatori, senza avere degli intermediari.

Registrandomi posso entrare in contatto diretto con i produttori d’olio, proponendogli così il prezzo che sono disposto a pagare per il loro prodotto.
In questo modo sono sempre sicuro della provenienza del mio olio e posso acquistarlo al prezzo che ho concordato con il produttore!

Gohasta farm è una start up composta da cinque ragazzi di Firenze, che ha preso vita grazie ad una campagna crowdfunding. Conclusa il 19 dicembre 2016 raccogliendo 7.525 € attraverso 77 sostenitori.
Un ottimo punto di partenza per aiutare i nostri produttori d’olio a portare il loro ottimo prodotto direttamente sulle nostre tavole!

Un progetto completamente diverso è quello che hanno lanciato gli otto ragazzi di “Addento”.
Si tratta di una campagna crowdfunding che si poneva come obbiettivo 10.000 € per riuscire a finanziare un prodotto: Le Crickelle.

Le Crickelle sono dei crackers realizzati con il 20% di farina di grilli.
Hai capito bene grilli! ☺
Sono una grande fonte di proteine, sono ricchi di vitamina B12 e inoltre allevarli, ha un bassissimo impatto ambientale in termini di emissioni e di consumo di risorse, spiegano i ragazzi di Addento.

Beh il progetto è piaciuto, la campagna si è chiusa la vigilia di natale del 2016, raccogliendo il 100% dei fondi richiesti. Ora aspetto di vederli in vendita nei supermercati, trovandoli nello scaffale accanto ai grissini.

Tu che dici li proveresti?

Elisa invece, dopo essersi specializzata nei cupcakes perché stufa dei soliti dolci, ha deciso di aprire un negozio per far assaggiare le sue creazioni golose a tutti.
Il suo cupcake shop si chiama Butter Days,  si trova a Montebelluna, in provincia di Treviso.

Ha chiesto aiuto al crowdfunding per comprare il forno che gli serviva per realizzare il suo sogno.
La crowd ha risposto positivamente sposando il suo gustoso progetto.
Sono stati raccolti ben 2.205 € attraverso 97 sostenitori, superando così le aspettative di Elisa che si poneva come traguardo 1.800 €.
Butter Days grazie al nuovo forno ha ufficialmente aperto, non resta altro che passare ad assaggiare le sue specialità.

Ovviamente nel caso mi trovassi a passare dal capoluogo veneto andrei subito li!

“Mangiare è uno dei quattro scopi della vita… Quali siano gli altri tre, nessuno lo ha mai saputo”☺

#falloconlafolla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *