Il crowdfunding anche nel basket…

Sai com’è arrivato il basket in Italia?

Il basket è stato portato in Italia da un gruppo di ragazze della Mens Sana di Siena, guidate dalla professoressa Ida Nomi Pesciolini al Concorso Ginnastico di Venezia: si giocava con canestri senza tabelloni, questo sport veniva chiamato Palla al cesto.Proprio questa storica società, che per circa 14 anni per motivi di sponsorizzazione ha preso il nome di “Monte maschi di Siena” e dopo il clamoroso fallimento dell’omonima banca, ha riacquistato il suo vero nome Mens Sana di Siena, ha chiesto un aiuto al crowdfunding, per ripartire, ricostruire e continuare la storia di questa importantissima società.

La campagna si poneva come obbiettivo 20.000 €, che sarebbero serviti per consentire all’associazione di mantenere il 20% del capitale sociale.
I sostenitori sono stati 165 e insieme all’associazione “CrowdChianti” sono riusciti a raccogliere 21.910 €.
La campagna si è chiusa quindi con successo, speriamo che questa stella del basket torni a brillare come un tempo.

Ora ti voglio raccontare una storia tutta al femminile di vere campionesse di passione…

Ti sto parlando della favola delle undici ragazze della Q.M.B.( Quinto Miglio Basket), una squadra di basket femminile vicentina.
Più che una squadra una bella famiglia, che con molto sacrificio, impegno e volontà hanno superato le difficolta stagionali, facendo punti contro la avversarie e superando anche la sfortuna degli infortuni. L’anno scorso infatti è riuscita a classificarsi seconda nel campionato di serie C, accedendo così hai playoff, la loro grande forza gli ha permesso poi di vincerli e di guadagnarsi un meritato posto in serie B!
Eh.. Si!  Davvero una bellissima favola, quasi un sogno per loro, e come in ogni bel sogno ad un certo punto ci si risveglia, e si deve fare i conti con la realtà, perché l’iscrizione alla serie superiore è molto costosa e le spese che dovranno affrontare sono davvero molte.
Così senza perdersi d’animo hanno cercato una soluzione, lanciando una campagna di crowdfunding, per raccogliere i fondi necessari per: l’iscrizione al campionato, i tesseramenti delle atlete, dei coach e dei dirigenti. Per pagare l’affitto della palestra, per le gare e per gli allenamenti. Per finire i fondi serviranno per il pagamento delle visite mediche obbligatorie.
Lo scopo della campagna era raccogliere 9.000 €, i donatori sono stati 46 donando in tutto 9.100, in questo modo hanno reso possibile l’iscrizione della squadra.

Le ragazze della Q.M.B., sono seste in campionato di serie B, io faccio il tifo per loro, speriamo che arrivino nella massima serie prima possibile!

Complimenti! Davvero grandi combattenti…

Per rimanere sempre in tema Basket, ti voglio raccontare anche di una realtà più piccola, perché come tutti gli sport anche il basket è formato anche da piccole strutture.
La storia del Nuovo basket Altopascio, una società che da ormai 26 anni cerca di insegnare questo bellissimo sport a grandi e piccini.
Partendo dal minibasket, arrivando fino alle prime squadre. La femminile che gioca in serie C e la prima squadra maschile che è undicesima nella serie C gold.

Per poter iniziare la stagione però questa società ha dovuto rivolgersi al crowdfunding, perché da luglio 2016 è diventato obbligatorio per motivi di sicurezza, avere un defibrillatore in tutte le palestre.

Così Nuovo basket Altopascio, ha lanciato la sua campagna per acquistarlo, il traguardo da raggiungere era di 900 € l’obbiettivo è stato raggiunto grazie ai 14 sostenitori che hanno contribuito alla campagna.
Ora Nuovo basket Altopascio ha un defibrillatore per la propria struttura!

Anche questo sport si è rivolto alla forza straordinaria del crowdfunding, chiedendo aiuto alle persone per realizzare i loro sogni.

Il tuo sogno qual è?

#falloconlafolla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *