Due chiacchiere con Valentina Bertocchi “Delle idee della Vale”

Abbiamo incontrato Valentina Bertocchi, la “Vale” del blog “Le idee della vale”, la maker che da qualche anno dispensa consigli utili per realizzare e decorare piccoli oggetti di uso quotidiano.
La vale considerata la sua crescita professionale, si è trovata davanti ad un’esigenza: quella di realizzare un nuovo sito per fornire ai suoi utenti un blog più professionale, strutturato e più facile da navigare.
Così per finanziare questo restyling si è rivolta al crowdfunding, tramite la piattaforma Eppela ha lanciato il suo progetto fissandosi un obbiettivo di 1.300 €.
Possiamo dire che la community del hand made e dei meker ha risposto alla richiesta di soccorso della Vale, il progetto si è concluso con successo raccogliendo 1.350 € attraverso 54 sostenitori.

Abbiamo fatto qualche domanda a Valentina per conoscerla meglio, capire qual’è il suo pensiero sul crowdfunding e saper cosa c’è dietro una campagna di successo.

 

• Ciao Valentina Quanti anni hai? 
Ho 36 anni.

• Da quanto sei una maker? 
Da tanti anni, prima come hobby poi da un paio d’anni è diventata la mia attività principale.

• Come è nata la tua passione? 
Ho sempre amato creare, mi piace definirmi creativa di nascita 🙂

• Come ti è venuta l’idea di aprire un blog dispensando consigli utili sul realizzare e decorare piccoli oggetti di uso quotidiano? 
Io sono principalmente autodidatta e quando ho cominciato a navigare in rete in cerca di tutorial che potessero interessarmi ho notato che i pochi blog creativi italiani dell’epoca offrivano principalmente contenuti che riguardavano solo poche tecniche creative classiche (maglia, cucito, uncinetto…) che richiedevano comunque capacità e competenze pregresse, al contrario, i blog americani davano risalto anche a tecniche minori e DIY. La mia idea era quella di realizzare un blog creativo italiano ricalcando però questa impronta.

• Consiglia ai nostri lettori il percorso per creare una community come la tua.
Dopo tanti anni passati dietro uno schermo, magari dovuto anche al mio complicato rapporto di amore-odio per i social, credo, nel mio caso specifico, di aver cominciato a fare realmente community quando ho cominciato ad incontrare faccia a faccia (a market, fiere ed eventi legati al mio settore) le persone che avevo conosciuto on-line.

• Perché ti sei rivolta al crowdfunding per finanziare il tuo progetto?
Altre crafter prima di me avevano usato questo mezzo che non solo ha finanziato il loro progetto ma anche lanciato la loro attività e così sono uscita dalla mia confort zone e mi sono lanciata in quest’avventura.

• Quali sono i fattori principali per una campagna crowdfunding di successo?
Il legame con la tua community e sicuramente il fattore predominante, come viene presentato il progetto, la cura dei dettagli (un video girato male o delle brutte foto delle ricompense possono essere controproducenti), la promozione, l’appetibilità delle ricompense.

• Perché hai scelto Eppela come piattaforma?
Perché è la piattaforma che conosco meglio.

• Cosa hai provato quando hai chiuso la tua campagna?
Mi sono sentita felice, grata e… un po’ sollevata perché Il mio crowdfunding è stato una sorta di montagne russe di emozioni, con alti e bassi continui, per fortuna ho potuto condividere queste gioie e… seccature con Federica di fii design che mi ha accompagnato in questa avventura (lei si è occupata della parte grafica del progetto e sarà lei che realizzerà il nuovo blog finanziato).

• Ti rivolgerai ancora al crowdfunding in futuro?
Non credo, anche se non lo escludo soprattutto se si dovesse trattare di un progetto non direttamente legato alla mia attività.

• Che consiglio potresti dare a chi decide di finanziare il proprio progetto con il crowdfunding?
Studiare molto bene il progetto prima di partire: chiedersi perché la gente dovrebbe finanziarti, pianificare la promozione, scrivere in modo chiaro e nel dettaglio come verranno utilizzati i soldi e in cosa consistono le ricompense date in cambio, nel caso prevedere momenti di confronto con la propria community, ecc.. Insomma curare attentamente tutti i possibili aspetti.

• Qual’ è il tuo pensiero sul crowdfunding?
Credo che il crowdfunding sia una bella opportunità per ottenere dei piccoli finanziamenti, indispensabili per avviare e far crescere le piccole realtà come noi makers. Purtroppo credo sia un mezzo spesso frainteso o poco capito, se non relegato strettamente ad un ambito sociale/benefico.

 

Valentina si è rivolta al crowdfunding per rinnovare il suo sito blog e dopo alti e bassi e molto lavoro ha chiuso la sua campagna con successo, gli facciamo i nostri complimenti e i nostri più sentiti auguri.

Cogliamo l’occasione per ringraziarla nuovamente per la sua disponibilità e ti invitiamo a seguire il suo blog per conoscere meglio lei e le sue fantastiche creazioni.   LE  IDEE DELLA VALE

A presto!

#falloconlafolla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *