Due chiacchiere con “Q-BOTTLES QUAGGA”


Vogliamo parlarti di “Q-BOTTLES QUAGGA”, si tratta di una linea di abbigliamento sostenibile che utilizza un tessuto originale e mai utilizzato: il filato newlife si è trasformato in un tessuto simile al cotone e sostenibile.

Tutto questo è stato reso possibile anche grazie al crowdfunding.
Il team di Q-BOTTLES QUAGGA ha lanciato la sua campagna di raccolta sulla piattaforma Ulule utilizzando la modalità preselling, fissandosi un obbiettivo di 50 prevendite obbiettivo che attraverso i 146 sostenitori è stato addirittura superato raggiungendo quasi 150 acquisti.
Abbiamo incontrato ed intervistato Enrico, Responsabile del Marketing per conoscerlo meglio, chiedergli cosa pensa del crowdfunding e capire cosa c’è dietro a una campagna di successo

 

Ciao Enrico quanti anni hai?
Ciao, ho 38 anni.

Qual’ è il tuo ruolo all’interno del progetto?
Marketing operativo

Come è nata l’idea di far nascere “Q-BOTTLES QUAGGA”?
Volevamo realizzare una linea sostenibile di magliette e felpe con un tessuto originale e mai utilizzato: il filato newlife si è trasformato in un tessuto simile al cotone e sostenibile.

Parlaci di “Q-BOTTLES QUAGGA”
Il progetto Q-Bottle nasce in Piemonte: la fibra riciclata Newlife viene prodotta da Sinterama Spa (Biella) con certificazione Global Recycle Standard stabilita da ICEA e Confidence in Textiles (Oeko Tex Standard 100).
La trasformazione delle fibre in tessuto è stata realizzata da Alpimaglia Srl in provincia di Torino; i tessuti sono stati colorati con tinture eco-compatibili per poi subire un ultimo trattamento igienizzante che impedisce lo sviluppo di cattivi odori.
Il jersey di poliestere così ottenuto è straordinariamente confortevole, morbido e resistente, non torce e non si deforma, ha solidità alla luce ed agli agenti acidi come il sudore, richiede pochissima manutenzione, e non può causare allergie od intolleranze.
Una Polo innovativa da qualsiasi punto di vista, sviluppata nell’arco di otto mesi di ricerche, con unico obiettivo: dimostrare che è possibile ottenere il comfort e le caratteristiche del cotone utilizzando fibre ottenute dal riciclo di materie plastiche presenti sul territorio, con assoluti vantaggi in termini di:- eco compatibilità: a fine vita i capi in poliestere possono essere conferiti nuovamente nei cassonetti dedicati alle bottiglie e tornare ad essere riciclati.

Perché ti sei rivolto al crowdfunding per finanziare il tuo progetto?
Il crowdfunding era una nuova opportunità che volevamo usare da tempo

Quali sono i fattori principali per una campagna crowdfunding di successo?
Lasciarsi guidare dai consulenti della piattaforma e strutturare bene la campagna

Perché hai scelto ULULE come piattaforma
Ulule è stato notato dal nostro commerciale ad una presentazione, il loro essere anche una bcorp e la loro disponibilità ci ha subito fatto capire che era la piattaforma giusta

Cosa hai provato quando hai realizzato che la campagna ha avuto successo?
Siamo stati felici e anche dal punto di vista interno abbiamo dimostrato che ra la strada giusta

Ti rivolgeresti ancora al crowdfunding in futuro?
Si assolutamente, abbiamo già portato a termine una seconda campagna sempre con successo

Che consiglio potresti dare a chi decide di finanziare il proprio progetto con il crowdfunding?
Bisogna preventivare che è molto impegnativo, ma il trampolino che la piattaforma di raccolta fondi è un’occasione perfetta per molti tipi di business

Qual è il tuo pensiero sul crowdfunding?
Uno strumento che per noi sta diventando fondamentale e che innesca dinamiche orizzontali di partecipazione.

Il team di Q-BOTTLES QUAGGA si è rivolto al crowdfunding per comunicare il progetto, creare una community attiva e reperire fondi.

Con molto impegno ci sono riusciti, cogliamo l’occasione per ringraziarli della disponibilità e per salutarli.

 

Ti consigliamo di visitare il sito per scoprire tutte le fantastiche creazioni ovviamente Ecosostenibili!

Speriamo che questo progetto ti abbia appassionato quanto ha appassionato noi

A presto!

 

#falloconlafolla

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *